L’attività che puoi vivere con un counselor è di esplorazione di questioni della tua vita attuale che meritano attenzione.

Da adulti a volte possiamo sentirci spaesati come bambini, a causa delle circostanze di un periodo difficile, quando veniamo messi nelle condizioni di integrare quelle risorse che abbiamo scordato di avere o non abbiamo mai visto in noi stessi avviene un vero salto in avanti, una trasformazione.

Il rapporto di counseling si instaura come una ricerca che vuole mostrare la persona nella sua completezza. Si basa sulla comprensione che l’essere umano è un sistema che si colloca in un sistema e che la connessione tra gli elementi che lo compongono è una questione ricca di complessità. L’uomo è in permanente interazione.

‘Comprendere’ allora, che significa ‘prendere con sé’ diventa un processo pieno di sfaccettature che coinvolgono mente, corpo, cuore e spirito e abbiamo bisogno di mettere insieme strumenti che prendano in considerazione tutte queste parti se vogliamo sentirci bene. Nello stesso tempo abbiamo bisogno di sperimentare e percepire in modo sempre più profondo che siamo parte di tutto ciò che esiste e che qualsiasi giudizio, critica, movimento ‘contro’ qualcosa o qualcuno genera una stessa forza uguale e contraria che tornerà indietro come un boomerang.

L’incontro con il counselor può avvenire in sessioni individuali o di gruppo.

Individuale

Il counselor si avvale di una prossimità emotiva che accoglie luce e ombra della persona che se ne avvale. Nel colloquio il counselor sostiene la persona a valorizzare tutte le sue dimensioni: dal corpo alle sensazioni, dalla soddisfazione dei bisogni all’espressione delle emozioni. La persona ha diritto a percepire la propria unicità, nel rispetto della sua specificità. Il counselor si avvicina con un ascolto empatico al cliente che, grazie ad esso, realizza al meglio i propri valori, percepisce le possibilità creative che ha a disposizione per uscire dalle prove della vita rilanciando.

In gruppo

Possiamo immaginare che sentire noi stessi affermare qualcosa, che ci coinvolge emotivamente, a voce alta, davanti ad un professionista che è un estraneo e ad gruppo di testimoni, è un’esperienza intensa, molto diversa da una autoriflessione silenziosa o dalla condivisione con una persona amica o di famiglia.

Non tutti possiamo sentire di poter andare in questa direzione.

Un esempio è dato dalla dichiarazione: - ho intenzione di sposarmi – è ben diverso che uno lo dica a se stesso, all’amato/a o lo affermi pubblicamente.

Nell’incontro abbiamo delle regole da seguire: parliamo ‘a’ non parliamo ‘di’.

Ad Es.

Gina dice:- trovo che Paola non mi abbia aiutato poco fa…

Counselor: A chi dici questo?

Gina: Paola ce l’ho con te perché prima non mi hai aiutato; lo so che mi trovavi ridicola…

Counselor: - Hai voglia di verificare questa tua impressione?

Gina: E’ vero che mi hai trovato ridicola quando prima sono scoppiata in singhiozzi?

Si parla uno alla volta

Quando uno parla tutti ascoltano

Si condivide solo se si vuole farlo, nessuno è obbligato

Non si parla fuori dal gruppo di quello che accade all’interno

Viviamo in un epoca di auto aiuto e auto- promozione senza precedenti. Tutti alla fine comprendiamo che non esiste neutralità nella comunicazione. Scambiando con gli altri li lasciamo un po’ migliori o un po’ peggiori. Se siamo buoni comunicatori e ben intenzionati lasceremo qualcosa di buono ad ogni cenno del capo, modulazione di voce, gesto di contatto.

La qualità della nostra comunicazione collegata alla connessione con il nostro sentire determina la qualità della nostra vita. Effettuare un cammino con il counselor amplifica il contatto con noi stessi e ci insegna a comunicare quello che sentiamo in modo ecologico. L’efficacia delle nostre relazioni di conseguenza aumenta.

Puoi incontrare il counselor Manuela Ambrosini scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o cell.3493328159 oppure il Counselor Silvano Croci scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cell. 3487800422

TI VEDO, VUOI PARTECIPARE?

Insieme alle migliaia di parole che spendiamo ogni giorno per agevolare percorsi di consapevolezza, per conoscere di persona quelli che stanno cercando se stessi e il loro posto nel mondo, abbiamo il desiderio di utilizzarne qualcuna per invitarti a iscriverti alla newsletter.

Che sia un gesto consapevole in cui esprimi il tuo intento a leggerci quando, una volta al mese, arriveranno le nostre notizie, quelle che ti permettono di sapere dove e quando puoi trovare professionisti seri che vogliono facilitare esperienze di introspezione e comprensione di te, della tua storia, e di come migliorare il corso attuale della tua vita, oppure accettarlo così com’è.