Stampa

OASI DI LUCE: Toro – Verità del Corpo, Verità dello Spirito

Evento

Titolo:
OASI DI LUCE: Toro – Verità del Corpo, Verità dello Spirito
Quando:
Sab, 21. Settembre 2019, 10:00 - Dom, 22. Settembre 2019, 17:00
Categoria:
OASI 3 SECONDO LIVELLO

Descrizione

Per info e prenotazioni: Barbara Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., cell. 333 737 6936 – (RE)

C’è una grande affinità tra l’IO e il corpo. Esse sono le due parti mortali che noi abbiamo, nel senso che il nostro corpo è un veicolo prezioso, senza il corpo non potremmo fare nessun tipo di esperienza, è il corpo che ci permette di introdurci nel mondo, nella realtà, è il nostro corpo che ci accompagna in tutte le nostre esperienze, soffrendo e gioendo. Il nostro corpo è la parte mortale, quella parte di noi che necessariamente dovremo abbandonare. Allo stesso modo anche la nostra coscienza dell’Io muore quando lasciamo il corpo. Da quel momento noi ci riuniamo completamente con l’Anima che possiede memorie di tutte le vite, non solo dell’ultima e noi non siamo più chi siamo in questa vita, ma il compendio di tutte le vite vissute in tutti i corpi e in tutte le identificazioni dell’IO.

È chiaro che il corpo così come l’IO dovrebbe essere espressione di verità. Quando i nostri desideri sono falsati e di conseguenza sono falsati i nostri valori ecco che abbiamo una grande sofferenza interna e spesso abbiamo anche una sofferenza del corpo.

Venere, che è il pianeta governatore del Toro almeno fintanto che non si scoprirà il pianeta X, è legata al nostro stato di benessere. Nel Toro lo stato di benessere è strettamente legato all’armonia che ci deve essere all’interno, tra le nostre sfaccettature, e anche un’armonia con l’esterno, intesa come rapporti sociali armonici, come sicurezze della materia, come patrimonio familiare. Per svilupparci e crescere abbiamo bisogno della funzione di scambio, con Venere parliamo di scambio affettivo, l’affettività è la parte che ci permette di conoscerci di più, di arrivare in profondità alla nostra essenza. Quando forziamo il nostro corpo a fare qualcosa che non va bene per lui, o arriviamo addirittura ad invertire il senso di benessere perché lo abbiamo disatteso per tanto tempo, il corpo è confuso e deve ricorrere alla malattia, al sintomo per poter farci capire che dobbiamo operare un cambiamento di rotta, dobbiamo percorrere una strada che ci rimetta in ordine.

In questo seminario esploreremo alcune semplici tecniche di naturali per il benessere donate dal Maestro Yogananda ai suoi discepoli e a tutti coloro che abbiano voglia di conoscerle. Conosceremo meglio i dettagli di alcuni rimedi naturali che possono sostenerci a tornare in equilibrio ed armonia col corpo. Praticheremo gli asana dell’Hatha yoga per allungare nervi, meridiani e muscolatura e fare spazio tra le vertebre inondandole di luce.

Contatteremo le radici con le costellazioni dell’Anima. Incontreremo le nostre vite antiche per raggiungere, ancora una volta, un processo di pulizia profonda delle vite passate.

Esamineremo il nostro rapporto col denaro, con la ricchezza e la prosperità con esercizi e tecniche di counseling di gruppo.

Osserveremo il nostro sistema alimentare e come nutriamo il corpo per comprendere meglio i nostri punti deboli e i nostri punti forti, dove ci rispettiamo e dove ci torturiamo in virtù di schemi legati alla crescita e alla famiglia di provenienza. Venere è armonia, l’armonia per i greci era un grande principio di ordine, è questo ordine così come c’è nell’universo ci deve essere dentro di noi. Venere ci aiuta proprio attraverso la funzione del piacere e dispiacere, quello che ci piace ci deve portare un benessere, se quello che ci piace non ci porta un benessere vuol dire che c’è qualche errore di collegamento, che questa relazione tra il mondo interno profondo e l’esterno non è corretta. Venere, nella sua versione Pandemia, legata alla terra e Urania, legata al cielo, ci aiuta a mettere a posto le cose. Trovare in noi una corretta percezione del corpo e dello spirito è una ricerca che non finisce mai, possiamo sempre fare il prossimo passo per andare oltre, per migliorare ancora e mentre lo facciamo accorgerci che tanti intorno a noi stanno facendo lo stesso cammino e condividerlo.