Stampa

OASI DI LUCE: Gemelli - Contatti, distanze, spiriti affini, fragranze

Evento

Titolo:
OASI DI LUCE: Gemelli - Contatti, distanze, spiriti affini, fragranze
Quando:
Sab, 20. Giugno 2020, 10:00 - Dom, 21. Giugno 2020, 17:00
Categoria:
OASI 3 TERZO LIVELLO

Descrizione

Per info e prenotazioni: Barbara Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., cell. 333.7376936 – (RE)

Quando pensiamo ai Gemelli dobbiamo pensare al contatto verbale, alla comunicazione, però dobbiamo anche pensare al pensiero razionale, diciamo che compito dei Gemelli è di mettere in comunicazione, creare ponti, accorciare le distanze.

Il Gemelli col suo spirito sempre giovane vuole conquistare il mondo divertendosi e rimanendo distaccato quel che basta per combinarne una delle sue. Nel kit della valigia degli attrezzi ha sicuramente la leggerezza e la simpatia.

Estrarre dal cappello mille oggetti e diventare il mago prestigiatore che fa apparire e sparire le cose è atteggiamento tipico da attribuirsi al Gemelli. Così questo personaggio interiore si barcamena tra le sfide della vita come il ‘Matto’ la carta dei Tarocchi, l’essere irresponsabile che annulla gli effetti malefici delle altre carte.

Mettersi in comunicazione con la parte emotiva è la sfida più grande per il Gemelli: per imparare a fidarsi di quello che gli arriva dal mondo interno deve compiere un cammino e far incontrare gli opposti: Castore e Polluce che vanno in lungo e in largo nei tre mondi e non si incrociano mai.

Ci occuperemo di comunicazione, elaborazione dei vissuti antichi e memorie. Il ripetersi delle stesse situazioni tra vite passate e vita attuale verranno osservati in modo esperienziale con gli strumenti che faranno da lente di ingrandimento sui vissuti individuali e del gruppo.

Il ritmo sarà un nostro compagno di viaggio e ne esploreremo il potenziale e la capacità di diventare una risorsa se armonico, un ostacolo se dissonante.

Vedremo le implicazioni che hanno le vibrazioni sul nostro sistema nervoso e cosa ci nutre o ci debilita riguardo a questo tema. L’ansia di non avere tempo, la velocità a tutti i costi diventano il territorio su cui misurare il nostro Sé, così come lo viviamo adesso nel qui e ora di tutti i giorni. Rallentare significa concedere alle parti vulnerabili di emergere, concedersi anche ciò che ci fa un po' paura perché manca di contorni definiti.

Il pranayama e le tecniche di respiro verranno approfondite insieme all’uso delle mani come veicolo energetico.

L’arte del commercio e dello scambio costituirà uno dei travestimenti in gioco.